Parliamo di...

Pelle soggetta a irritazione: una fragilità costituzionale

Resources\Visuels\V4\Headers\Articles\INT\v_header_focuson_default.jpg

Screpolature, zone secche, aree desquamate e sensazione di pelle che tira: quando la pelle è fragile, l'irritazione può diventare costante. Queste possono quindi sfociare in complessi estetici e in una sensazione di disagio. Per combatterle è necessario affidarsi a trattamenti specifici.

Caratteristiche

Screpolature, irritazione dovute a zone secche persistenti

Circa il 20% della popolazione soffre di pelle soggetta a irritazione, che si manifesta con:

  • screpolature che interessano di solito le parti del corpo esposte al freddo, come mani e labbra, o le zone soggette a sfregamento,
  • aree secche che si presentano sotto forma di zone ruvide e secche sulle guance, intorno alla bocca e sulle braccia, soprattutto nei bambini,
  • perleche, una screpolatura che si verifica ai lati della bocca.

Cause

La causa del problema? Una pelle costituzionalmente fragile

L'irritazione cutanea ricorrente può essere legata a una fragilità costituzionale che rende la pelle più sensibile alle aggressioni esterne e a sfregamenti ripetuti. Vento e freddo, ad esempio, possono aggravare l'irritazione.

Context

Adottare delle buone abitudini quotidiane

Per offrire un buon trattamento alla pelle soggetta a irritazione niente dev'essere lasciato al caso. È possibile alleviare la secchezza e favorire un decorso più rapido del processo riparativo seguendo qualche accorgimento quotidiano:

  • innanzitutto detergere le zone irritate o fragilizzate con acqua termale,
  • se necessario utilizzare una garza protettiva,
  • 2 o 3 volte al giorno applicare un trattamento formulato per proteggere la pelle,
  • una volta che l'irritazione è diminuita, valutare l'utilizzo della protezione solare per minimizzare il rischio di disturbi pigmentari,
  • scegliere sempre trucchi adatti al proprio tipo di pelle.

Se i sintomi persistono, rivolgersi al dermatologo.

Consigliati per te

Tutti gli articoli