L'orologio biologico della pelle sensibile

duration icon 7 minuti di lettura

Quello che rende la pelle sensibile decisamente unica è il modo in cui evolve nel tempo: nel corso di un'ora, un giorno, un anno o una vita, i fattori ormonali e ambientali possono cambiare il volto della pelle sensibile.

Per quanto possa sorprendere, la pelle sensibile non è un tipo di pelle nel vero senso del termine. In effetti, è una condizione che può interessare ogni tipo di pelle, dalla pelle grassa e a tendenza acneica degli adolescenti fino a quella secca e matura. Ciò che accomuna tutte le pelli sensibili è una reazione eccessiva a stimoli innocui provenienti dall'ambiente circostante o da prodotti di trattamento.

Un giorno nella vita
della pelle sensibile

La pelle ha un ritmo circadiano biologicamente programmato di 24 ore che può influire sulla sua sensibilità. Di notte, i livelli più bassi di cortisolo, uniti all'aumento dell'istamina, che favorisce la comparsa del prurito, possono accentuare la sensibilità della pelle. Il risultato? Un risveglio brusco, accompagnato da bruciore, prurito e pelle che tira. 

Ma non è tutto. La verità è che, sebbene la pelle sia regolata in parte da meccanismi fisiologici pre-programmati, la routine quotidiana di ogni donna è altrettanto importante. 

Immagina: inizi la giornata con una lunga doccia calda e poi esci in mezzo al traffico e all'aria inquinata. Poi, ti fermi a prendere un caffè prima di entrare nel tuo ufficio con l'aria condizionata. A pranzo ti vedi con un'amica e mangiate qualcosa di piccante su una terrazza soleggiata, quindi torni in ufficio per affrontare una serie di riunioni interminabili. Dopo il lavoro, vai in palestra per un allenamento super-intensivo e poi ti fermi nel tuo bar preferito per un cocktail con le amiche... ti suona familiare? 

La verità è che ognuno di questi momenti quotidiani – le variazioni di temperatura e di umidità, l'inquinamento, la caffeina, i cibi piccanti, il sole, lo stress, l'attività fisica e l'alcool – possono accentuare il disagio della pelle sensibile.

 

La pelle sensibile
e le stagioni

La pelle sensibile ama la stabilità e odia i cambiamenti. Primavera e autunno sono le stagioni più temute perché le condizioni climatiche possono essere imprevedibili. Con la sua fragile barriera e le estremità dei nervi epidermici ipersensibili, la pelle non ha tempo di adattarsi ai rapidi cambiamenti di temperatura e di livello di umidità, causando così un accentuamento della sensibilità. 

La pelle sensibile 
e le generazioni

Ogni stagione porta con sé un aumento dei livelli di polline di diverse specie di piante. In primavera prevalgono tre pollini, mentre l'estate è la stagione dell'erba e l'autunno è associato al polline di erbacee. Ogni ondata di polline presenta potenzialmente la capacità di scatenare manifestazioni sulla pelle. Per molte persone, questo porta a un prevedibile andamento ondivago della sensibilità della pelle durante il corso dell'anno.Insieme al ritmo circadiano della pelle e al cambiamento delle stagioni, i livelli della sensibilità della pelle possono essere profondamente influenzati dal cambiamenti fisiologici di lungo termine.


Come aiutare la pelle a mantenere l'equilibrio

La pelle sensibile è un'entità in costante mutamento, influenzata da innumerevoli fattori interni ed esterni. Per mantenere l'equilibrio e progressivamente ridurre la sensibilità, esistono soluzioni con trattamenti elaborati da esperti, a portata di mano.

VERO
O FALSO

I CIBI PICCANTI POSSONO
SCATENARE LA SENSIBILITÀ CUTANEA.

VERO

Se le pareti dei vasi sanguigni sono diventate fragili, alcuni fattori esterni quali spezie, alcol, bagni caldi o un riscaldamento centralizzato eccessivo possono scatenare rossori e sensibilità cutanea.
Scopri di più

I RIMEDI CASALINGHI NATURALI COSTITUISCONO
OTTIMI TRATTAMENTI PER LA PELLE SENSIBILE.


FALSO

Per quanto gustoso, il contenuto del frigo o della dispensa potrebbe non essere la soluzione giusta per chi ha la pelle sensibile. I rimedi casalinghi “naturali” o “fai da te”, come maschere a base di miele, fiocchi d’avena, avocado o cioccolato, potrebbero non essere adatti in quanto potrebbero contenere potenziali allergeni. Opta piuttosto per soluzioni e trattamenti specifici.
Scopri di più

GLI STATI D’ANIMO
POSSONO INFLUIRE SULLA PELLE SENSIBILE.

VERO

Lo stress e le emozioni intense provocano una vasodilatazione a livello cutaneo, dando luogo a rossori e sensazioni di fastidio. Per molti, rimedi come la mindfulness o simili tecniche di rilassamento rappresentano validi alleati per mantenere la pelle sensibile in uno stato “zen”. Questo approccio dà risultati migliori se associato a trattamenti specifici per la pelle sensibile come quelli della linea TOLERIANE.
Scopri di più

LA PELLE SENSIBILE HA NECESSARIAMENTE
UN ASPETTO DIFFERENTE.


FALSO

Una delle cose più frustranti della pelle sensibile è che, per quanto le manifestazioni possano essere fastidiose, spesso la pelle appare “normale” in quanto non mostra segni visibili. Tuttavia i dermatologi esperti sapranno riconoscere le caratteristiche della pelle sensibile e indicheranno trattamenti specifici per la pelle sensibilizzata o sensibile.
Scopri di più