Pelle a tendenza atopica: che cos’è, quali le cause scatenanti e i rimedi

Article Read Duration 2 minuti di lettura

“Suo figlio soffre di pelle a tendenza atopica”: quando si sente per la prima volta il termine, si ha la sensazione di essere di fronte a un problema insormontabile. Fortunatamente, la pelle a tendenza atopica è una condizione cutanea trattabile, dovuta essenzialmente a una condizione di secchezza insita, ma che può portare a conseguenze molto fastidiose se non si interviene tempestivamente.

 

Pelle a tendenza atopica:
che cos’è esattamente?


Per capire che cos’è esattamente la pelle a tendenza atopica, bisognerebbe partire dai sintomi. Innanzitutto, va detto che è una condizione cutanea che riguarda in modo particolare i neonati e i bambini di età inferiore ai 5 anni ed è purtroppo ereditaria. Il che non significa che gli adulti non siano interessati, anzi.
La pelle a tendenza atopica è una pelle secca per natura, non dovuta all’intervento di cause esterne come l’esposizione prolungata al sole senza la dovuta protezione, assunzione di farmaci, esposizione ad agenti esterni come freddo e vento, utilizzo di detergenti non adatti, presenza di polvere e polline, etc., ma è una condizione cutanea che rende la pelle particolarmente fragile e quindi attaccabile dagli stessi agenti esterni. Spesso associata a patologie come asma e rinite allergica. Non solo.
I bambini che soffrono di pelle a tendenza atopica hanno prurito intenso e questo potrebbe interferire sulla qualità del loro sonno e, di conseguenza, sulla qualità della loro vita e di chi gli sta accanto. Non a caso i neonati che soffrono di questa problematica spesso dormono poco e male.

I PRINCIPALI SINTOMI DELLA PELLE A TENDENZA ATOPICA


Rossore e prurito: la pelle a tendenza atopica si manifesta così ma, a differenza della pelle secca, in questo caso le manifestazioni cutanee si concentrano soprattutto sul viso, cuoio capelluto, tra le pieghe cutanee (pensiamo soprattutto ai neonati), nell’area attorno ai gomiti e dietro le ginocchia. Fortunatamente, esistono trattamenti capaci di lenire la sensazione di prurito, restituendo al bambino (e a tutta la famiglia!) una qualità di vita accettabile.

Per conoscere tutte le differenze tra pelle secca e pelle a tendenza atopica, leggi QUI.

Quali sono le cause
della pelle a tendenza atopica?

Tra le cause della pelle a tendenza atopica, la predisposizione genetica è al primo posto, quindi qualsiasi cosa possa scatenare uno squilibrio del microbioma. All’origine di una pelle a tendenza atopica, infatti, possono esserci anche tante cattive abitudini quotidiane.
Sfregamenti, prodotti troppo aggressivi, bagni troppo caldi e prolungati potrebbero compromettere la tenuta della pelle dei più piccoli, così come di quella degli adulti. Qualsiasi cosa possa indebolire e compromettere la struttura della pelle è considerata una concausa della pelle a tendenza atopica. 
La Roche-Posay ha pensato a trattamenti specifici in grado di lenire innanzitutto la sensazione di prurito, e capaci di restituire alla pelle gli attivi necessari per ritrovare la sua naturale funzione di barriera.

Pelle a tendenza atopica: i rimedi

Rappresentano rimedi per la pelle a tendenza atopica, sia trattamenti specifici come il detergente e la crema lenitiva, che alcune buone abitudini (scartando ovviamente quelle cattive). 
Per la pelle a tendenza atopica con secchezza severe, i laboratori La Roche-Posay hanno elaborato Lipikar Syndet Ap+la crema detergente che lenisce immediatamente e aiuta a ridurre la secchezza già durante la doccia. È un prodotto adatto a neonati, bambini e adulti e può essere usato per detergere anche il cuoio capelluto. 

La sua formula contiene: 

           ⦁         Aqua Posae Filiformis, un ingrediente brevettato appositamente per la pelle molto secca per agire su microbioma e barriera cutanea;

           ⦁         Burro di karité, ingrediente di tutte le formule Lipikar, per ripristinare il film idrolipidico della pelle con lipidi simili a quelli della pelle stessa;

           ⦁         Niacinamide, attivo che svolge un’azione lenitiva attenuando la sensazione di prurito.

Subito dopo la doccia o il bagnetto, va applicata una crema come Lipikar Lait, che riduce la sensazione di pelle che tira e può idratare fino a 48 ore, rinforzando la barriera cutanea.
Molto importante, infine, portare sempre con sé uno stick come Lipikar Stick Ap+, un prodotto che attenua la sensazione di prurito e lenisce e che può essere applicato su qualunque zona del viso e del corpo. Nel suo pratico formato tascabile, Lipikar Stick può essere passato ogni volta se ne senta la necessità, riducendo istantaneamente la sensazione di prurito e aumentando il comfort della pelle. 
Tra le buone abitudini da adottare:

           -             Detergere la pelle delicatamente;

           -             Asciugare tamponando delicatamente;

           -             Applicare una crema lenitiva;

           -             Portare sempre con sé uno stick lenitivo.

Tra le cattive abitudini da abbandonare:
           -             Non fare docce o bagni troppo prolungati o troppo spesso;

           -             Non utilizzare acqua molto calda;

           -             Non sfregare la pelle;

           -             Non aspettare ad intervenire quando ormai il prurito è insopportabile. 

Prenditi cura della pelle a tendenza atopica già dalla comparsa dei primi sintomi. Per conoscere tutto sull’argomento, leggi QUI

SCOPRI I PRODOTTI
PIÙ ADATTI A TE