Parliamo di...

Esposizione al sole: benefici ed effetti nocivi

Resources\Visuels\V4\Headers\Articles\INT\v_header_focuson_default.jpg

Il sole è essenziale per la vita e offre reali benefici. Tuttavia, non bisogna esagerare con l'esposizione al sole poiché i raggi UV hanno effetti nocivi sulla pelle. Per tenerli sotto controllo e godere al meglio dei benefici dei raggi solari, è fondamentale utilizzare solari con un alto fattore di protezione.

Symptoms

Sole quanto basta

L'esposizione al sole è indispensabile alla vita. In quantità moderate, ha un impatto benefico:

  • sull'umore, poiché può rappresentare un eccellente rimedio per determinate forme di depressione stagionale;
  • sulla sintesi della vitamina D, che è essenziale per l'assorbimento del calcio nelle ossa. Per godere di questi benefici basta però un'esposizione solare quotidiana di 15 minuti.

In dosi eccessive, infatti, il sole può anche essere nocivo e causare danni a breve termine:
  • scottature, anche note come eritemi solari;
  • fotodermatiti, come la dermatite polimorfa solare (ne è affetto il 10% della popolazione adulta) e l'acne, nonché rare patologie fotoindotte come il lupus e l'orticaria solare;
  • disturbi pigmentari quali macchie, melasma (maschera della gravidanza) o vitiligine;
  • fotoimmunosoppressione (herpes labiale);
  • fotosensibilizzazione.

L'esposizione solare comporta inoltre danni a lungo termine:
  • un'accelerazione dell'invecchiamento cutaneo, indicato dalla comparsa di macchie, da rughe profonde e dalla perdita del tono e dell'elasticità della pelle;
  • fotocarcinogenesi (tumore della pelle).

Origins

I raggi UV sotto accusa

I raggi UV sono i maggiori responsabili degli effetti nocivi del sole sulla pelle: gli UVB (con la B di "bruciatura" e di "bronzo", il colore della tintarella) stimolano in particolare l'abbronzatura, ma sono anche la prima causa di scottature, mentre gli UVA (con la A di "allergie" e di "age") sono più insidiosi perché non provocano dolore e penetrano più in profondità nella pelle, accelerando l'invecchiamento cutaneo e scatenando intolleranze solari, comunemente definite allergie solari, e disturbi pigmentari (melasmi, macchie). La radiazione UVB e UVA può inoltre causare alterazioni del nucleo cellulare, danneggiandone il DNA. Se questi danni invisibili si ripetono, a lungo termine possono indurre lo sviluppo di neoplasie.

Treatments

La protezione prima di tutto

L'esposizione al sole deve prevedere determinate regole:

  • mettersi all'ombra ed evitare l'esposizione solare nelle ore più calde della giornata
  • non esporre i bambini e i neonati ai raggi diretti del sole
  • proteggere se stessi e i propri figli indossando cappello, occhiali da sole e maglietta
  • scegliere un fattore di protezione adeguato al proprio fototipo
  • applicare la protezione solare in quantità sufficiente subito prima di esporsi al sole; riapplicarla generosamente e frequentemente,soprattutto dopo aver fatto il bagno, aver sudato o essersi asciugati.

È bene sapere che certi alimenti contribuiscono ad aumentare la nostra resistenza al sole. Determinate molecole naturali, come i carotenoidi, la vitamina C presente nella frutta e nella verdura e la vitamina E aiutano, infatti, la fotoprotezione, ma sotto il sole non sostituiscono in alcun caso un buon solare.

Non esitate a consultare il dermatologo per ulteriori informazioni.

Consigliati per te

Tutti gli articoli