Home Questo mese si parla di La Pelle La marca I Prodotti Iniziative Le Persone La roche posay per te
 

INVECCHIAMENTO: IL RUOLO DEI RAGGI UV

L’invecchiamento è un processo fisiologico legato al trascorrere del tempo.  A differenza degli altri organi la pelle nel tempo è maggiormente soggetta alla comparsa di alterazioni per il fatto di essere quotidianamente esposta a stress ambientali.

Con il passare degli anni la pelle subisce numerosi cambiamenti: in primo luogo ha sempre meno capacità di legare e trattenere acqua. Il tenore di acqua si riduce progressivamente da una media del 75% nel bambino a circa il 50 % nella terza età. Ciò si traduce in una perdita complessiva dell’elasticità e tonicità.

La trama cutanea, che nel giovane è caratterizzata da piccole e numerose  incisure e depressioni poco profonde e quasi invisibili, nell’adulto tende a rendersi più evidente fino a manifestarsi con poche linee profonde e disorganizzate. Si tratta del primo cambiamento che caratterizza l’invecchiamento cronologico. A queste modificazioni a partire dai 30 anni circa si associa la comparsa di rughe vere e proprie strettamente correlate ai movimenti dei muscoli mimici facciali e quindi maggiormente espresse sulla fronte, ai lati della bocca e fra le sopracciglia. 

Esistono inoltre numerose altre caratteristiche che contraddistinguono l’invecchiamento cutaneo, ad esempio la secchezza, il rilassamento dei tessuti, le anomalie della pigmentazione (macchie iper o ipopigmentate) e la presenza di  capillari visibili attraverso l’epidermide (teleangectasie).

Ogni piccolo segno nel tempo può accentuarsi ed aggravarsi per la presenza dei raggi ultravioletti che colpiscono ogni giorno le zone del corpo fotoesposte.
Il risultato sarà quello di sommare ai danni dell’invecchiamento cronologico quelli dell’invecchiamento fotoindotto.
pagina 1 di 2  pagina successiva ›
 
INDICE 1 di 5 successivo